Sito Joomla

Login Utente

Utenti On Line

0359781
Visite Oggi
Visite Ieri
Visite Settimana
Visite Set.Scorsa
Visite del mese
Visite M.Scorso
Visite Totali
26
68
318
1239
3086
9627
359781

Pubblicato il modello (DA1) per la definizione agevolata di adesione alla rottamazione dei ruoli prevista dall’articolo 6 del D.L.193 del 22/10/2016.Il citato articolo prevede la possibilità di definire i ruoli compresi nel periodo 2000-2015.Possono essere oggetto di definizione tutti i ruoli a prescindere dall’ente creditore ,compresi quelli relativi alle violazioni del codice della strada. Ne sono esclusi i soli ruoli espressamente previsti dal comma 10 dello stesso articolo 6 derivanti da accertamenti esecutivi dell’agenzia delle dogane e monopolio di stato, e avvisi di addebito inps Per la definizione è previsto il versamento delle sole somme iscritte a ruolo più gli interessi, l’aggio dovuto alla società di riscossione e i diritti di notifica (non saranno dovute le sanzioni). Per le multe stradali invece, non si pagheranno solo gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.Coloro che intendono avvalersi della definizione agevolata devono manifestare ,con la presentazione dell'istanza entro il 23/01/2017 del suddetto modello DA1 predisposto dalla società equitalia,la propria volontà alla rinuncia del contenzioso in corso per i ruoli di cui si chiede la definizione.

La legge 190/2014 (legge di stabilità) ha introdotto a decorrere dal 01/01/2015 il nuovo regime forfettario applicabile alle persone fisiche esercenti attività di impresa  arti o professione  di piccole dimensioni che possiedono i requisiti previsti dai commi 54 a 89 dell’articolo 1 stabilendo per questi ultimi (comma 64 ) la tassazione del reddito con un’imposta sostitutiva del 15% da applicarsi al reddito determinato non più come differenza tra costi e ricavi ma con l’applicazione sui ricavi conseguiti dei coefficienti di redditività previsti dall’allegato 4 e  diversificati sulla base del codice attività ( codici  Ateco.) Con la risoluzione del 11/06/2015 n. 59/E sono stati istituiti  tre nuovi codici tributo da utilizzare per i versamenti dell’acconto, saldo ,addizionali e Irap  dovute  dai suddetti contribuenti da indicare nella sezione erario del modello F24. I nuovi codici di versamento  sono i seguenti :
"1790" denominato "Imposta sostitutiva sul regime forfetario - Acconto prima rata - art.1, c. 64, legge  n. 190/2014";
"1791" denominato Imposta sostitutiva sul regime forfetario - Acconto seconda rata o in unica soluzione - art.1, c.64, legge n. 190/2014";

Con un decreto del presidente del consiglio dei ministri e in corso di pubblicazione  i termini di versamento delle imposte  dovute scaturenti dal modello Unico 2015 relativo al periodo d'imposta 2014 e Irap slittano al 06/07/2015  senza maggiorazioni .Questo e quanto stabilisce il comunicato stampa N.121  diramato poche ore fa e pubblicato sul sito del Ministero delle Finanze.
La proroga interessa sia i soggetti esercenti attività economiche  per le quali sono stati approvati gli studi di settore, sia coloro che ne sono esclusi per cause di inapplicabilità , Beneficiano dello slittamento dei termini anche coloro che adottano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in

Con un comunicato stampa pubblicato ieri sul sito del ministero dell economia e finanza è stata disposta la sospensione dei pagamenti e degli adempimenti tributari per i residenti nella regione Emilia Romagna.Slittano al 16/10/2015 gli adempimenti tributari e i pagamenti delle imposte, ivi inclusi quelli relativi alle cartelle esattoriali e agli avvisi di accertamento esecutivi, per le persone fisiche, imprese e sostituti d’imposta residenti nella regione dell’Emilia Romagna colpita dall’alluvione nel mese di febbraio 2015.La sospensione opera nei confronti di quei soggetti che alla data dell’alluvione avevano la propria residenza anagrafica , sede operativa   o legale nei comuni colpiti dal maltempo e riguarda tutti i pagamenti cadenti nel periodo compreso dal 04/02/2015 al 30/09/2015.A stabilirlo è un decreto ministeriale in corso di pubblicazione sulla gazzetta ufficiale a firma del ministro Padovan. Si precisa che la sospensione non opera di diritto .Per poter beneficiare della sospensione dei termini il contribuente deve presentare apposita istanza al comune contenente la dichiarazione di inagibilità (anche temporanea ) rilasciata dalla stessa autorità comunale, che provvederà a darne comunicazione all’ Agenzia delle Entrate nei 20 giorni successivi.