Sito Joomla

Login Utente

Utenti On Line

0344218
Visite Oggi
Visite Ieri
Visite Settimana
Visite Set.Scorsa
Visite del mese
Visite M.Scorso
Visite Totali
146
133
2445
2445
9884
11056
344218

Con il DPCM  del 12 maggio, i termini di versamento del modello unico sono stati prorogati dal 16 giugno al 6 luglio 2011. La proroga interessa tutte le imposte  sui redditi (Ires, Irpef ed Irap) e dell’acconto ivi compresa la nuova imposta sostitutiva sulle locazioni “c.d. cedolare secca”.Resta invece fissata al 16.06.2011 il versamento dell’I.C.I. Beneficiari della proroga sono:
1- tutte le persone fisiche (titolari e non di Partita Iva);
2- i soggetti diversi dalle persone fisiche che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore. I versamenti potranno essere eseguiti anche successivamente, dal 7 luglio al 5 agosto 2011, con la maggiorazione dello 0,40%. Lo stesso decreto proroga anche il modello 730, la cui presentazione scade entro il 20 giugno 2011. E’ inoltre possibile beneficiare della cosiddetta proroga estiva con il differimento del versamento al 20.08.2011.Il DPCM prevede infatti il differimento di tutti gli adempimenti e versamenti cadenti nel periodo dal 1° agosto  al 20.08.2011 sono esclusi i versamenti con maggiorazione che scadono tra il 7 di luglio ed il 5 di agosto per espressa previsione normativa.

Pertanto i versamenti cadenti in tale arco temporale dovranno rispettate le originarie scadenze. A seguito dell’emanazione del suddetto DPCM 12/05/2011 questo è il quadro riepilogativo delle nuove scadenze in relazione alla data di versamento della 1° rata e alla tipologia contribuente. Pertanto avremo le seguenti scadenze riportato nelle tabelle sottostanti con riferimento ai soggetti interessati :
SOGGETTI NON TITOLARI DI PARTITA IVA

SOGGETTI TITOLARI DI PARTITA IVA- CON STUDI DI SETTORE


IN CASO DI PRIMA RATA VERSATA IL 16 LUGLIO IL VERSAMENTO CON MAGGIORAZIONE E SPOSTATO AL  05 AGOSTO
NON TITOLARI DI PARTITA IVA 

SOGGETTI TITOLARI DI PARTITA IVA CON STUDI DI SETTORE


Ulteriori notizie e chiarimenti possono essere reperite sul sito dell'Agenzia delle Entrate.