Sito Joomla

Login Utente

Utenti On Line

0344222
Visite Oggi
Visite Ieri
Visite Settimana
Visite Set.Scorsa
Visite del mese
Visite M.Scorso
Visite Totali
150
133
2445
2445
9888
11056
344222

La legge 228 del 24/12/2013 c.d legge di stabilità reca misure agevolative a favore delle imprese di piccole dimensioni relativamente all'imposta IRAP a decorrere dal periodo d'imposta 2014. Con i commi 484-485 dell'art.1 della citata legge viene modificato l'art.11 del Dlgs 546 istitutivo dell'imposta Irap, vengono di fatto modificati e aumentati gli importi delle deduzioni spettanti ai contribuenti di piccole dimensioni che presentano una base imponibile fino a €.180.999,91 nonchè elevate le deduzioni forfettarie spettanti per i lavoratori assunti a tempo indeterminato. Per quando riguarda le modifiche in tema di assunzioni tempo indeterminato gli importi delle deduzioni sono riportati nelle tabelle sottostante di confronto tra le attuali  e le nuove :



per i lavoratori assunti nelle aree svantaggiate delle regioni Abruzzo-Basilicata-Campania-Calabria -Molise e Puglia – Sicilia e Sardegna , gli importi sono invece cosi rideterminati:

Per quando riguarda infine gli importi spettanti a favore delle imprese di piccola dimensione le le stesse sino riportate nella tabella che segue :

Sono inoltre aumentate le deduzioni , nella misura indicata ,per i seguenti soggetti:
a)Imprese e professionisti esercenti attività in forma individuale;
b)Società semplice e tra professionisti;
c)Società di persone (S.n.c e S.a.s )

Tale misura ha effetto dal periodo di imposta successivo al 31/12/2013 come prescrive il comma 485 della suddetta legge di stabilità e cioè dal il periodo d'imposta 2014.Viene inoltre istituito un Fondo che permetterà a partire dal 2014, di applicare l'esenzione totale dall'Irap , per le persone fisiche , esercenti imprese, arti o professioni, che nello svolgimento della loro attività non si avvalgono di dipendenti e che utilizzano beni strumentali ,anche in locazione,di valore non superiore ad un certo limite .Il tutto è demandato a un successivo Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze.